ArteKjara

Decoupage sottovetro

Il Decoupage su vetro, così come la pittura su vetro è abbastanza difficile in quanto è necessario lavorare completamente a rovescio rispetto al solito: anzichè partire dal fondo e poi procedere con i dettagli via via più particolareggiati, è necessario partire dai particolari in primo piano e poi procedere a ritroso per arrivare da ultimo al fondo.

Perciò bisogna partire dal ritaglio di carta ed incollarlo sotto la superficie da decorare, anzichè sopra. Ecco perché lo chiamiamo decoupage sotto vetro.

Prima di procedere con l'incollaggio comunque è necessario pulire bene la superficie del vetro con un detersivo sgrassante ed asciugarla con un panno che non lasci pelucchi. A questo punto assemblate i ritagli dietro al piatto per rendervi conto della composizione.

assemblaggio composizione sottovetro

Incollaggio

Dal momento che la figurina di carta deve essere incollata sotto il vetro ed essere visibile attraverso di esso, sarà necessario incollarla dalla parte colorata. Ovvero anzichè mettere la colla sulla parte bianca, dovremo mettere la colla sulla parte colorata ed incollarla con la parte colorata rivolta verso il vetro.

Per incollare la figurina si può usare la colla vinavil, un po' meno diluita del solito, oppure direttamente la vernice trasparente lucida.
Un trucco per lavorare meglio consiste nello stendere la colla sulla superficie di vetro anzichè sulla figurina di carta, facendo attenzione, durante la stesura della colla, a non formare bollicine. Consiglio di bagnare velocemente il ritaglio di carta, e una volta asciugato con un tovagliolino scottex fatelo aderire con la parte colorata dalla parte del vetro precedentemente spennellato di colla.

Ora girate l'oggetto di vetro (immaginiamo ad esempio che sia un piatto) e controllate che non ci siano bollicine di aria, perché queste una volta asciutta la colla restano visibili. Per eliminarle fate scorrere le dita, precedentemente inumidite di colla partendo dal centro della figurina verso i bordi in modo da portarle fuori. Non premete troppo altrimenti rischiate di eliminare troppa colla e si formerebbe la temuta bolla d'aria.
Per intenderci il ritaglio di carta visto attraverso il vetro deve apparire quasi bianco dalla colla, allora potete esser certe che lo strato di colla sia sufficiente. Se invece il ritaglio appare attraverso il vetro quasi dei colori che avrebbe se fosse asciutto vuol dire che c'è davvero poca colla e rischiate che si formi una bolla per risucchio. E Una volta asciutta purtroppo la bolla è davvero antiestetica, e si vede come sul fiore rosso nella figura di destra:

colla sottovetro bolla asciutta

A questo punto dovete cercare di pulire il vetro dalla colla in eccesso, perché al contrario del legno, che la assorbe, sul vetro invece resta ben visibile perché è opaca.
Con uno scottex bagnato d'acqua e ben strizzato tampono leggermente intorno alla figurina di carta in modo da eliminare almeno le gocce di colla più spesse. A questo punto è meglio non insistere a ripulire perfettamente il contorno della figura, perché questa non si è ancora fissata al vetro e rischiate inutilmente di rovinare il lavoro.

Quando la colla si sarà perfettamente asciugata ed il ritaglio di carta sarà fermo e fissato al vetro potete procedere a rimuovere il velo di colla che incornicia la figurina di carta.
A questo scopo io uso un bastoncino cottonfioc bagnato in acqua e ammoniaca e strofino il vetro tutt'intorno alla figura di carta in modo da ripulirlo dal velo di colla. Con uno scottex asciugo la superficie di vetro man mano che procedo.

È importante che la superficie di vetro che accoglierà il ritaglio di carta sia sempre perfettamente pulita, perciò man mano che procedete ad incollare le immagini, eliminate eventuali sbaffi di colla e pulite perfettamente il vetro avendo cura a non lasciare pelucchi con lo scottex.

Usando la vernice al posto della colla faccio meno lavoro perché non devo ripulire in modo così maniacale l'intorno della figurina di carta una volta che l'ho incollata. Normalmente io utilizzo la colla e pulisco bene il bordo della figura, come ho descritto sopra, se prevedo poi di dipingere il fondo. Invece utilizzo la vernice trasparente e non mi curo di pulire i contorni della figura quando voglio che il vetro resti trasparente e non colorerò il fondo.

Fate delle prove e vedete come vi trovate meglio.

Pulitura e colore

Quando avrete finito di incollare tutte le immagini sotto vetro pulite accuratamente la superficie del vetro rimasta nuda utilizzando un batuffolo di cotone bagnato in acqua e ammoniaca ed asciugando con lo scottex.
Pulite anche il davanti del vetro con acqua e ammoniaca, così vi rendete conto dove sono gli sbaffi di colla.

A questo punto potete procedere a dipingere il fondo. Io uso normalmente dei colori acrilici a smalto, perché hanno una vischiosità che mi permette di lavorare meglio sul vetro, ma potete usare anche i colori ad olio.
Se volete aggiungere dei dettagli dovete farlo adesso, prima della stesura del colore del fondo. Ad esempio se avete incollato una farfalla, dovete ricordarvi di farle le antenne di un colore che contrasti con il colore del fondo. In questo caso farò le antenne bianche, visto che il colore finale sarà il nero. Inoltre potete divertirvi a mettere la vostra firma scrivendola a rovescio.

antenne firma

Tenete presente che la pittura sotto vetro è piuttosto difficile, meglio non esagerare con le aggiunte, e soprattutto limitatevi ad un colore perché soprattutto le prime volte è difficile controllare le sfumature.

Una volta asciutti questi dettagli, potete procedere con il colore del fondo. Dovete stenderlo su tutto il retro dell'oggetto di vetro, in questo esempio sarà il nero. Fate attenzione alla prima passata: non siate aggressive con il pennello e picchiettate delicatamente la superficie altrimenti rischiate di portar via i dettagli che avevate dipinto prima.
Occorrono almeno due o tre passate se il colore è scuro, di più se il colore è chiaro. Per intendersi il vetro non deve più essere trasparente.

colore fondo

Verniciatura:

Quando il colore è perfettamente asciutto potete procedere a verniciare. Dal momento che il decoro sarà visibile sotto vetro, voi state verniciando il retro dell'oggetto di vetro decorato, quindi non è più necessario dare tutte le mani di vernice che eravamo soliti dare con il decoupage classico, né sarà più necessario carteggiare per livellare gli scalini tra il fondo ed il ritaglio di carta.

Nel caso del vetro, specie se l'oggetto in questione è un piatto e magari verrà usato per contenere cibi, e quindi presumibilmente verrà pulito con l'acqua, io consiglio di utilizzare la vernice all'acqua ragia per il retro, perché è più resistente e comunque non altererà i colori della composizione visto che è dietro, e non davanti.

Ed ecco il lavoro finito:

finito



Licenza Creative Commons
il manuale è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.